Cesare pacifica gli edui

Haedui Caesarem advocaverunt quia controversia inter populi primores facta erat. Romanus dux, non ignorans quanta ... Fine: equitatus partem illi attribuit, partem sibi reliquit.

Gli Edui chiamarono in aiuto Cesare poiché era sorta una controversia tra i più eminenti del popolo.

Il comandante Romano, non ignorando quanti danni fossero stati soliti nascere dai dissensi e quanto fosse legata la nazione degli Edui (che dallo stesso era sempre stata fornita di ogni cosa) al popolo Romano, decise di andare dagli Edui e convocò tutto il senato a Decezia. Dopo che quasi tutta la cittadinanza si fu riunita lì, Cesare chiese chi tra i più eminenti degli Edui avesse osservato le leggi e chi, al contrario, avesse preso il potere con la forza. Dopo che gli Edui dissero che il popolo aveva attribuito a Convittolitave il potere secondo la legge e l'antico costume della città, Cesare ordinò che costui divenisse re degli Edui.

Emessa questa decisione, così parlò agli Edui: «Spero che manderete velocemente all'accampamento Romano tutta la cavalleria e diecimila fanti, poiché molti miei soldati sono feriti.

Quindi, quando tutta la Gallia sarà stata sottomessa, conferirò al vostro popolo tutti i premi che avrete meritato». Dopo pochi giorni, quando giunsero all'accampamento le truppe ausiliarie degli Edui, Cesare divise l'esercito in due parti: diede a Labieno quattro legioni da condurre nei territori degli Senoni e dei Parisii, sei le condusse da sé nei territori degli Averni, verso la città di Gergovia, lungo il fiume Elavere; assegnò una parte della cavalleria a quello una parte la lasciò per sé.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:08:06