Fabio rinnova le abitudini dell'esercito romano

Inizio: Cum magnum bellum immineret, Fine: esse itinera ac mutationes locorum

Appropinquandosi una grande guerra, tutti i giovani della città accorrevano dal console Fabio e gli davano il nome, molti infatti desideravano prestare la leva militare sotto quel comandante.

Il console, circondato da così tanto disordine, parlò così: «Ho intenzione di arruolare e portare con me solo quattromila fanti e seicento cavalieri: preferisco condurre tutti ricchi a Roma, piuttosto che fare guerra con molti soldati». Partito con un esercito adatto verso la città di Aharna, da dove i nemici non erano molto lontani, Fabio proseguì verso l'accampamento del pretore Appio. Poche miglia al di qua si imbatterono in lui dei raccoglitori di legna assieme ad una scorta, i quali, quando videro che i littori avanzavano e vennero a sapere che il console era Fabio, felici e gioiosi resero grazie al popolo romano e agli dei per aver mandato loro quel comandante.

Mentre salutavano il console, dopo averlo attorniato, Fabio chiese dove si dirigessero e a quelli, che rispondevano che andavano nei boschi per far legna, il console disse: «Non avete forse un accampamento cinto con una palizzata?». Essendo stato gridato in risposta a ciò da un vallo e da un fossato e che tuttavia erano in grande timore, Fabio così rispose: «Avete già abbastanza legna: tornate all'accampamento e abbattete la palizzata».

Quelli tornarono all'accampamento e dissero agli altri soldati ciò che Fabio aveva ordinato di fare. Il giorno dopo si levarono le tende e il pretore Appio fu rispedito a Roma; da quel momento i Romani non ebbero un accampamento stabile da nessuna parte: infatti non ignoravano quanto fosse utile che l'esercito stesse accampato in un solo luogo, ma ritenevano che per i soldati fossero più utili gli spostamenti e i cambiamenti di luoghi.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:08:06