Il tiranno

Syracusis, multae divitiae sunt privatis incolis et facile aurum argentumque tyranno donant; tyrannus autem...misericordiam a tyranno nn inveniunt: celeriter capiuntur a custodiis et in vincula coniciuntur.

TESTO LATINO COMPLETO

A Siracusa, gli abitanti privati hanno molte ricchezze e donano senza problemi (facilmente) al tiranno oro e argento; il tiranno in verità accetta volentieri le ricchezze, ma poi non placa il suo animo funesto, ignora la giustizia, condanna i privati sulla base di false cause o piccole colpe.

anche i contadini chiedono (cercano di ottenere) il favore del tiranno: giungono dai campi in città con i frutti e diversa verdura, onorano così il tiranno con i doni preziosi della terra: il tiranno superbo in realtà accetta questi doni e li divora, ma non ringrazia mai, anzi pretende nuovi doni, impone la decima ai poveri contadini;

se gli agricoltori rifiutano, cede i i loro fondi (li espropria dei loro fondi) e li vende.

infine i poeti celebrano e lodano il tiranno durante il banchetto, ma, se il loro parlare fallisce (se sbagliano a parlare), non trovano misericordia dal tiranno: vengono presi velocemente dalle guardie e gettati in catene. (by Maria D.)

release check: 2020-03-21 08:10:00 - flow version _RPTC_H2.4