Tantalo

Saepe Iuppiter Tantalum, Lydorum regem in Olympum vocabat atque admittebat ad epulas deorum. In divinis convivii... Iam deos Tantalus non videt, sed tantum aquas atrae paludis et saxum magni ponderis, impendens cervici suae.

Spesso Giove convocava sull'Olimpo Tantalo, re dei Lidi, e lo faceva partecipare (ammetteva) al banchetto degli dèi.

Durante i banchetti divini Tantalo non solo osservava con occhi attenti gli ammirevoli cuscini e i soffitti d'oro e d'avorio, ma ascoltava i discorsi delle divinità. Ma una volta, mentre sedeva tra le divinità, compì il furto del nettare e dell'ambrosia. Subito Giove per un così grande misfatto fu smosso da una grande ira e non solo privò Tantalo del regno ma lo condannò anche con una eterna pena negli inferi.

In quel luogo infatti Tantalo era tenuto in catene nella palude della Stigia, non venivano mai offerti piaceri al povero ladro: quando ardeva dalla sete e avvicinava la bocca all'acqua, l'acqua retrocedeva in fretta; quando desiderava di mangiare e sollevava il braccio verso i frutti dell'albero vicino, un vento improvviso sollevava i rami verso il cielo.

Tantalo non vide più le divinità, ma soltanto l'acqua dell'oscura palude e un sasso di enorme peso, che pendeva sul suo collo.(by Maria D.)

TESTO LATINO COMPLETO

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:20:26