Gli schiavi dei Romani

Romani magnam servorum et ancillarum copiam habebant. ... tum servi liberi evadebant.

I Romani avevano una grande quantità di servitori e di ancelle.

I servitori erano barbari prigionieri di guerra dei Romani e provenivano dalla Gallia, dalla Germania, dalla Grecia e dall’Africa. Anche i figli e le figlie di servitori e ancelle erano servitori ed ancelle. I padroni impiegavano i servitori nei lavori dei campi; le ancelle invece preparavano i cibi, attingevano l’acqua con le anfore, pettinavano le chiome delle matrone o attendevano ai lavori domestici.

Talvolta i servitori erano medici o maestri e perciò curavano le malattie degli uomini o insegnavano la letteratura ai figli dei padroni.

I Romani sicuramente trattavano i servitori con indulgenza, ma talvolta punivano severamente per negligente irascibilità; se invece mostravano particolare diligenza, i padroni affrancavano i servitori: allora i servitori diventavano liberti.(by Geppetto)

Testo latino completo

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:20:18