Il Pescatore flautista - Lectio Viva

Piscator ad mare venit, super scopulis consedit et suaviter tibiis canere coepit;

nam in mente sua sic cogitabat: "certe pisces, soni suavitate...

cum igitur nunc effrenate saltatis, cum canere desii?

TESTO LATINO COMPLETO

Un pescatore giunse al mare, si sedette sugli scogli ed incominciò a suonare dolcemente il flauto; infatti nella sua mente pensava così: sicuramente i pesci, allettati dalla soavità del suono, guizzeranno spontaneamente dal mare verso i litorali; così raccoglierò senza fatica una grande quantità di pesci, e grazie alla mia arte arricchirò la mia famiglia".

Ma dopo molte ore, dato che i pesci non emergevano dal mare, il pescatore ripose il flauto e gettò la rete in mare, raccolse una grande quantità di animali squamosi. Quando cacciò fuori il bottino dalla rete, i pesci cominciarono a saltellare sulla scogliera.

Allora il pescatore, con l'animo molto adirato disse: "stolti animali, quando io suonavo con il flauto disprezzaste e disdegnaste la mia arte; dunque saltate sfrenatamente proprio ora che io ho cessato di suonare?" (by Maria D.)

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:20:26