Le colpe del trombettiere - versione latino le ragioni del latino

Le colpe del trombettiere -versione latino traduzione
libro nuovo le ragioni del latino

Tibicinem quendam, qui proelii signum militibus canebat, hostes olim comprehenderunt.

Ad eos qui circumsistebant ille clamabat: "vos nacatis innocentem innocuum insontem. Nullum enim umquam hominem occidi;

nullum habeo gladium; nihil aliud nisi hanc buccinam habeo" Ad eum illi magno cum clamore responderunt: "te vero necabimus nam tu ipse numquam dimicas sed ceteros ad certamen impellis".

Clarum ac manifestum est fabulae praeceptum: illi, praeter ceteros, peccant qui alios impellunt ad peccatum.

Una volta i nemici catturarono il trombettiere che suonava per i soldati il segnale della battaglia.

A quelli che lo circondavano quello urlava : "voi uccidete un uomo innocente. Io non ho ucciso mai nessuno uomo; non ho le spade, non ho nulla se non la tromba.

" Quelli gli risposero con grande clamore : " Ti uccideremo in verità tu stesso infatti non lotti ma induci gli altri allo scontro.

" Chiaro e forte è l'insegnamento delle favole: tranne alcuni peccano, quelli che spingono gli altri al peccato.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:07:01