Sobrietà di Augusto - Nuovo le ragioni del lavino

Sobrietà di Augusto versione latino Svetonio
Versione dal libro Nuovo comprendere e tradurre da Le ragioni del latino e
Versione dal libro nuovo comprendere e tradurre

Augustus cibi minimi erat atque vulgaris fere. Secundarium panem et pisciculos minutos et caseum bubulum manu pressum et ficos virides biferas maxime appetebat; vescebaturque et ante cenam quocumque tempore et loco, quo stomachus desiderasset.

Verba ipsius ex epistulis sunt: "Nos in essedo panem et palmulas gustavimus. " Et iterum: "Dum lectica ex regia domum redeo, panis unciam cum paucis acinis uvae duracinae comedi. " Et rursus: "Ne Iudaeus quidem, mi Tiberi, tam diligenter sabbatis ieiunium servat quam ego hodie servavi, qui in balineo demum post horam primam noctis duas buccas manducavi prius quam ungui inciperem.

" Ex hac inobservantia nonnumquam vel ante initum vel post dimissum convivium solus cenitabat, cum pleno convivio nihil tangeret. Vini quoque natura parcissimus erat.

Non amplius ter bibere eum solitum super cenam in castris apud Mutinam, Cornelius Nepos tradit. Postea quotiens largissime se invitaret, senos sextantes non excessit, aut si excessisset, reiciebat. Et maxime delectatus est Raetico neque temere interdiu bibit. Pro potione sumebat perfusum aqua frigida panem aut cucumeris frustum vel lactuculae thyrsum aut recens aridumve pomum suci vinosioris.

Versione dal libro Nuovo le ragioni del latino
Secundarium panem et pisciculos minutos et caseum bubulum manu pressum et ficos virides maxime appetebat Augustus; vescebatur et ante cenam, ...
Versione dal libro nuovo comprendere e tradurre

Augusto in fatto di cibi era sobrio e di gusto quasi volgare.

Le sue preferenze andavano al pane comune, ai pesciolini, al formaggio di vacca pressato a mano, ai fichi freschi, della specie che matura due volte all'anno. Mangiava anche prima di cena, in ogni momento e in qualsiasi luogo, come esigeva il suo stomaco. Lo dice lui stesso in una delle sue lettere: «In vettura abbiamo gustato pane e datteri. » E ancora: «Mentre in lettiga tornavo a casa dalla galleria ho mangiato un pò di pane con qualche acino di uva dura. » E di nuovo ancora: «Mio caro Tiberio nemmeno un Giudeo, il giorno di sabato, osserva così rigorosamente il digiuno come ho fatto io quest'oggi, perché soltanto al bagno, dopo la prima ora della notte, ho mangiato due bocconi, prima che si incominciasse ad ungermi.

» Questo appetito capriccioso lo obbligò talvolta a mangiare da solo, sia prima, sia dopo un banchetto, mentre poi durante il pasto regolare non toccava cibo. Anche nel vino era per natura assai sobrio.

Cornelio Nepote riferisce che di solito non beveva più di tre volte per pasto quando era accampato davanti a Modena. Più avanti, nei suoi più grandi eccessi, non superò mai un sestario, ma se lo superava, lo vomitava. Preferiva in particolare il vino della Rezia e generalmente non beveva durante la giornata. Per dissetarsi prendeva un pò di pane inzuppato in acqua fredda, o un pezzo di cocomero, o un gambo di lattuga tenera, oppure un frutto dal succo gustoso, appena colto o conservato.

Augusto era parco nel cibo e quasi ordinario. Prediligeva soprattutto pane di seconda qualità e pesciolini minuti e formaggio di vacca pressato e fichi verdi che fruttificano due volte l'anno; spesso mangiava anche prima di cena a qualunque ora e luogo. Nelle sue lettere leggiamo: "Ho gustato pane e datteri". E ancora: "Mentre ritornavo a casa dalla reggia con la lettiga, ho mangiato un'oncia di pane con acini d'uva duracina". Per natura era molto parco anche nel vino. Cornelio Nepote afferma che, nell'accampamento presso Modena, non era solito bere più di tre bicchieri a cena. Come bevanda prendeva pane intinto in acqua fredda, o un pezzo di cocomero, o un gambo di lattuga tenera, un frutto, appena colto o conservato.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:07:01