Antiche divinità (VERSIONE di latino Littera Litterae)

Antiche divinità
Autore: sconosciuto littera litterae

Molte erano le antiche (antiqua, -ae) dee di Roma: la prima (maxima, -ae) era Giunone (Iuno), regina degli abitanti del cielo (caeli) e della terra e signora della famiglia.

A Diana invece, figlia di Latona, erano sacre (sacra, -ae) le selve, la faretra con le frecce e la luna. Minerva, armata di elmo e di lancia, era la dea della sapienza e delle battaglie.

A Vesta, dea della vita domestica (domestica, -ae), erano sacre l'operosità, la continenza e la pudicizia: le caste (casta, -ae) fanciulle ornavano (ornabant) sempre i (suoi) altari con corone di rose e di viole.

Gli abitanti dell'antica penisola italiana (Italica, -ae) veneravano (venerabantur) anche la dea Fortuna e immolavano (immolabant) sugli altari bianche agnelle.
TRADUZIONE:

Antiquae deae Romae erant multae maxima erat Iuno, regina incolarum caeli et terrae et matrona familias.

Dianae autem, filia Latonae, erant sacrae silvae, pharetra cum sagittis et luna. Minerva, armata galea et hasta, erat dea sapientae et pugnarum.

Vestae, dea domesticae vitae, erant sacrae industria, continentia et pudicitia: castae puellae ornabant semper aras coronis rosarum et violarum.

Incolae antiquae peninsulae Italicae venerabantur etiam deam fortuna et immolabant in aris albas agnas

release check: 2020-07-13 21:41:25 - flow version _EXTP_H1