Chi troppo vuole ..... - VERSIONE di Latino LITTERA LITTERAE

Chi troppo vuole ... versione di latino e traduzione dal libro Littera Litterae 1A n. 1 pag. 84

In avari agricolae praedio parvula gallina erat. Cotidie a bestiola pulchrum ovum gignebatur, quod agricola in cista inveniebat et in mensam suam apponebat.

Sed agricola uno ovo contentus non erat multoque cibo gallinam farciebat.

“Propter saginam”, stultus agricola suis liberis dicebat, “gallina pinguescet et multa ova cotidie in cista invenientur”.

At gallina pinguedine ova gignere omnino desinit et cista semper cassa manet. Sic nimia avaritia agricola nullum ovum habet et avaritiae suae poenas luit. Immodica desideria ruinae saepe causa sunt.

Nel podere dei contadini c’era una piccola gallina.

Quotidianamente dalla bestiola è generato un bell’uovo, che il contadino trovava nella cesta e lo collocava nella sua mensa. Ma il contadino non era contento di un uovo e ingrassava la gallina con molto cibo.

“Con l’ingrasso”, lo stolto contadino diceva ai suoi figli, “la gallina ingrasserà e molte uova quotidianamente nel cesto sono trovate”. E la gallina termina del tutto di generare grasse uova e la cesta sempre rimane vuota.

Così l’eccessivamente avaro contadino non ha nessun uovo e a causa della sua avarizia subisce le pene. I desideri esagerati spesso sono la causa della rovina

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:04:50