Gli scritti degli Epicurei secondo Cicerone - versione latino LITTERA LITTERAE

Gli scritti degli Epicurei secondo Cicerone
versione latino libro littera litterae

Est enim quoddam genus eorum qui se philosophos appellari volunt, quorum dicuntur esse Latini sane multi libri; quos non contemno equidem, quippe quos numquam legerim; sed quia profitentur ipsi illi qui eos scribunt se neque distincte neque distribute neque eleganter neque ornate scribere, lectionem sine ulla delectatione neglego.

Quid enim dicant et quid sentiant ii qui sunt in ea disciplina, nemo ne mediocriter quidem doctus ignorat.

Quam ob rem, quoniam quemadmodum dicant ipsi non laborant, cur legendi sint nisi ipsi inter se qui idem sentiunt, non intellego. Nam, ut Platonem reliquosque Socraticos et deinceps eos qui ab his profecti sunt legunt omnes, etiam qui illa aut non adprobant aut non studiosissime consectantur, Epicurum autem et Metrodorum non fere praeter suos quisquam in manus sumit, sic hos Latinos ii soli legunt qui illa recte dici putant.

Nobis autem videtur, quicquid litteris mandetur, id commendari omnium eruditorum lectioni decere; nec, si id ipsi minus consequi possumus, idcirco minus id ita faciendum esse sentimus.

C’è infatti un certo genere di quelli, che vogliono essere chiamati filosofi, di questi si dice che davvero molti libri Latini sono loro; non disprezzo invero questi, poiché non li ho mai letti; ma poiché quelli stessi, che li scrivono, dichiarano di scrivere né con precisione, né con ordine né in modo corretto, né con gusto, trascuro una lettura senza alcun diletto.

Infatti nessuno, che abbia studiato neppure mediocremente, ignora che cosa dicano e che cosa pensino coloro che si occupano di quella disciplina. Per questo motivo, non capisco, dal momento che come essi dicono non si affaticano, perché non si leggano se non tra quelli che la pensano allo stesso modo.

Infatti, tutti quando leggono Platone e gli altri socratici e in seguito essi da questi sono dilettati, anche da coloro i quali queste cose o non approvano o non seguono con grande zelo; al contrario, generalmente, nessuno prende in mano Epicuro e Metrodoro eccetto i loro seguaci, così essi soli leggono questi Latini, che ritengono conveniente quanto essi abbiano detto.

A noi al contrario sembraqualunque cosa sia consegnata alle lettere, questa cosa debba essere conveniente alla lettura di tutte le persone di gusto; e che, se questa stessa cosa non può essere raggiunta appieno, non per questo motivo sentiamo che questa cosa debba essere così fatta.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:04:42