La rivolta di Fidene e Veio (Versione latino Eutropio)

La rivolta di Fidene e Veio
Versione latino Eutropio traduzione libro Lingua magistra E LITTERA LITTERAE

Anno trecentesimo et quinto decimo ab Urbe condita (=nel 438 a.

C. ) Fidenates contra Romanos rebellaverunt (rebellare, ribellarsi) et cum exercitu progressi sunt. Fidem Fidenatibus testabantur iisque auxilium praestabant Veientes et rex Veientium Tolumnis. Ambae civitates tam vicinae Romae sunt, ut minae sint: nam Fidenae sexto miliario, Vei octavo decimo miliario absunt. Coniunguntur Fidenatibus et congrediuntur etiam Volsci.

Sed rebellantes (i ribelli) a Romanis victi sunt Veientesque tantam cladem acceperunt, ut etiam regem perdiderint. Fidenis Romani potiuntur et urbem excidunt (excidere, radere al suolo). Deinde evenit ut Veientani rursus (di nuovo rebellarent. Dictator contra illos mussu est Furius Camillus, qui primum eos vicit acie, mox etiam civitatem cepit, antiquam atque divitem.

Post eam cepit etiam Faliscos (Falerii, città dei Falisci), non minus nobilem civitatem. Sed commota est (commovere, suscitare) Camillo invidia, quasi (come se) is praedam male divisisset, damnatusque est ob eam causam tanta severitate ut expulsus sit civitate.

Nel 438 a. C. i Fidenati si ribellarono contro i Romani e avanzarono con l'esercito.

I Veienti ed il r dei Veienti Tolumnio dichiararono fedeltà ai Fidenati e prestavano il loro aiuto. Entrambe le città sono tanto vicine a Roma, che sono minacce: infatti Fidene dista sei miglia, Veio diciotto miglia. Anche i Volsci si incontrano e si uniscono ai Fidenati. Ma i ribelli furono vinti dai Romani e i Veienti subirono una tale sconfitta, che uccisero anche il re.

I Romani si impossessarono di Fidene e rasero al suolo la città. In seguito accadde che i Veienti si ribellarono di nuovo. Contro di loro fu mandato il dittatore Furio Camillo, che prima li vinse in battaglia, subito prese anche la città, antica e ricca.

Dopo di essa prese anche Falerii, città non meno nobile. Ma si suscitò invidia per Camillo, come se avesse diviso male il bottino, e fu condannato per questo motivo con tanta severità da essere espulso dalla città.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:04:50