Terrore per l'eruzione del Vesuvio

Terrore per l'eruzione del Vesuvio
Plinio il Giovane Lexis pag. 153 N° 5 e Littera litterae

Audires ululatus feminarum, infantum quiritatus, calmores virorum: alii parentes, alii liberos, alii coniuges vocibus requirebant, vocibus noscitabant, hi suum casum, illi suorum miserabantur; erant qui metu mortis mortem precarentur; multi ad deos manus tollere, plures nusquam iam deos ullus aeternamque illam et novissimam moctem mundo interpretabantur.

Nec defuerunt qui fictis mentitisque terroribus vera pericula augerent. Aderant qui Miseni illud ruisse, illud ardere falso, sed credentibus nuntiabant. Paulum reluxit, quod non dies nobis, sed adventatis ignis indicium videbatur Et ignis quidem longius substitit, tenebrae rursus, cinis rursus multus et gravis.

Hunc identidem adsurgentes excutiebamus; operti alioqui atque etiam oblisi pondere essemus. Possem gloriari non gemitum mihi, non vocem parum fortem in tantis periculis excidisse.

Avresti sentito le grida di dolore delle donne, i gemiti dei bambini, gli schiamazzi degli uomini: cercano a gran voce gli uni i genitori, gli altri i figli, gli altri i coniugi, (cercavano di distinguerli / li) distinguevano dalle voci; questi piangevano la propria sorte, quelli (la sorte) dei propri cari; c'era chi invocava la morte per la paura della morte; molti innalzavano le mani verso gli dei, parecchi credevano che ormai non vi fosse in nessun luogo nessun dio e che quella (sarebbe stata) l’ultima, eterna notte per il mondo.

Nè mancarono quelli che esageravano i pericoli veri con false e inventate spaventose notizie. Si trovavano quelli che preannunciavano falsamente, ma a persone che credevano loro, che a Miseno quella cosa (o casa) era andata in rovina, quell’altra era in fiamme.

Ci fu una tenue schiarita, che a noi non sembrava il giorno, ma il preannuncio dell'avvicinarsi del fuoco. E il fuoco rimase più a lungo, molto e grave, indietro della cenere Questa a tratti alzandoci ce la scuotevamo, altriment ine saremmo stati coperti e anche schiacciati dal peso. Potrei vantarmii che non un gemito, non una parola meno coraggiosa mi sia sfuggita, pur in così grandi pericoli. _________________

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:04:58