Una lettera di Raccomandazione di Cicerone - LITTERA LITTERAE - Versione

Una lettera di Raccomandazione di Cicerone
versione latino Cicerone traduzione libro
littera litterae 2c numero 4 pagina 443

M. Tullius Cicero salutem dicit P. Servilio collegae.

Marco Tullio Cicerone saluta il collega Publio Servilio.

C. Curzio Mitra è indubbiamente, come sai, quel liberto di Postumio, mio intimo amico, ma mi tratta e mi rispetta così come il suo stesso patrono. Io così fui presso quel di Efeso, ogni volta che andavo, (ero) come a casa mia; molte cose accaddero a quelli e ho sperimentato la sua benevolenza e la sua fiducia verso di me. Quindi, se mai qualcosa occorresse in Asia a me, o a qualcuno dei miei (cari amici), fui solito scrivere a lui per disporre sia del suo aiuto, sia della (sua) fiducia.

Dunque, ti chiedo di favorire quello in questa controversia che ha con uno di Colofone sulla (proprietà) di un terreno e in tutte le altre cose.

Se avrà ottenuto sia per la mia raccomandazione, sia per la sua onestà che tu fornirai un giudizio favorevole su di sé, crederà che egli stesso ha ottenuto ogni cosa. Ti prego vivamente con ogni insistenza che lo accolga nella (tua) protezione e che lo annoveri tra i tuoi. Io curerò con zelo ed attenzione tutto ciò che tirerrò che tu desideri e che ti riguardi.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-02-17 10:01:29 - flow version _RPTC_G1.1