Augusto amava giocare a dadi

Aleae rumorem nullo modo Augustus expavit nam quicquid facere optabat semper fecit …

Augusto non temette in alcun modo le dicerie del dado, infatti egli fece sempre qualunque cosa desiderasse fare: giocò con schiettezza e apertamente, a scopo di divertimento, anche da vecchio.

E ciò non è una cosa dubbia, e chiunque conosce codesta verità. In una certa lettera autografa egli dice: "Ho cenato, o mio Tiberio, con i medesimi amici, ma sono venuti altri due commensali, dei nuovi amici, che qui nomino: Vinicio e il padre Silio.

Durante la cena abbiamo passato il tempo col gioco che preferiamo tra tutti: abbiamo giocato a dadi, sia ieri, sia oggi". E in un'altra lettera, egli scrive nuovamente: "O Tiberio mio, noi abbiamo trascorso le feste di Minerva in maniera abbastanza piacevole;

infatti abbiamo giocato tutti i giorni, e abbiamo riscaldato il tavolo da gioco. Tuo fratello ha mandato avanti la cosa con alte grida; alla fine, tuttavia, non ha perso molto, anzi, da grandi perdite, poco alla volta ha rimontato ha rimontato oltre l'aspettativa.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:23 - flow version _RPTC_H2.3