Clelia e Porsenna - Versione Mirum Iter

Etruscorum regi Porsenae qui ex pacto suum exercitum ab Ianiculo …

A Porsenna, il re degli Etruschi che, come pattuito, aveva portato via il suo esercito dal Gianicolo, i Romani avevano consegnato, per offrire un pegno di pace, molti ostaggi, tra i quali c'erano numerose nobili fanciulle.

Ma una tra loro, Clelia, di notte eluse la sorveglianza delle sentinelle ed attraversò il Tevere insieme a tutte le altre compagne, che riportò a Roma per riconsegnarle ai genitori.

Ciò scatenò l'ira del re Porsenna, che immediatamente inviò degli ambasciatori presso i Romani per chiedere indietro Clelia e tutte le altre fanciulle. Allora i Romani le riconsegnarono al re dei nemici, presso il quale esse furono rispettate ed onorate.

Porsenna infatti, la cui ira era scomparsa, elogiò Clelia: il gesto eroico di quella giovane lo aveva appunto stupefatto, ed egli la rimandò dai suoi insieme ad una parte degli ostaggi. I Romani collocarono una statua equestre di Clelia sulla via Sacra, per celebrare il valore di lei.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:15 - flow version _RPTC_H2.3