Inesorabilità del Fato

Danae Acrisii et Aganippes filia erat. Huic fuit fatum ut filius quem pepererat …

Danae era la figlia di Acrisio e di Aganippe.

Costei ricevette il presagio che il figlio che aveva generato uccidesse Acrisio. Temendo questa cosa, Acrisio la rinchiuse dietro muro di pietra: Giove, però, trasformatosi in pioggia d'oro, giacque con Danae, e da quell'amplesso nacque Perseo. Il padre, a causa della violazione, la rinchiuse insieme a Perseo in un baule e la gettò in mare. Danae, per volere di Giove, venne fatta arrivare nell'isola di Serifo. Dopo che il pescatore Ditti ebbe trovato il baule e l'ebbe forzato, vide la donna insieme al bambino, e portò costoro presso il re Polidette.

Costui la sposò, ed allevò Perseo nel tempio di Minerva. Dopo che Acrisio fu venuto a sapere che quelli soggiornavano presso il re Polidette, partì alla volta dell'isola di Serifo. Dopo che fu giunto in quel luogo, Polidette supplicò in loro difesa: Perseo diede la parola al proprio nonno Acrisio che non l'avrebbe mai ucciso. Mentre Acrisio veniva trattenuto da una tempesta, Polidette muore. Mentre compivano i riti funebri in onore di costui, Perseo colpì la testa di Acrisio con un disco lanciato che il vento deviò, e lo uccise. E così, ciò che per sua volontà egli non volle, accadde per volontà degli dèi. Dopo che egli fu stato sepolto, dunque, Perseo partì alla volta di Argo ed ereditò i regni del nonno.

release check: 2020-07-10 23:57:22 - flow version _EXTP_H1