L'amore di Tiberio per le lettere

Artes liberales Tiberius studiose coluit. In oratione Latina …

Tiberio praticò con dedizione le arti liberali.

Nella prosa latina si rifece a Corvinio Messala, che, da giovane, aveva conosciuto già vecchio. Compose anche un poema lirico, il cui titolo è "Lamento per la morte di L. Cesare". Confezionò anche poemi Greci, nei quali aveva imitato Euforione, Riano e Partemio, poeti che ammirava particolarmente: infatti ebbe l'ardire di diffondere le loro opere e raffigurazioni nelle biblioteche pubbliche, tra i principali autori antichi.

Fondamentalmente, tuttavia, si occupò di informazione di storia leggendaria, fino alle minuzie e al ridicolo. Infatti metteva alla prova anche gli eruditi con problemi all'incirca di questo tipo: Chi era la madre di Ecuba?

Quale nome aveva avuto Achille tra le fanciulle? Perché le Sirene avevano l'abitudine di cantare? Nell'oratoria Greca era disinvolto e versato, tuttavia non la praticò ovunque: soprattutto in Senato, non impiegava parole Greche; una volta, addirittura, poiché doveva dire "monopolio", chiese prima perdono, perché si serviva di una parola straniera.

release check: 2020-06-29 13:51:58 - flow version _RPTC_G1.1