L'incostanza della volontà

Etiamnunc dicam unde sit ista inconstantia et dissimilitudo rerum consiliorumque …

Dirò, inoltre, da dove derivi codesta incostanza ed incoerenza dei fatti e delle volontà: nessuno si prefigge che cosa voglia, e, se se lo è prefisso, non persevera in quella cosa, ma passa oltre;

e non soltanto cambia, ma torna indietro, e ripiega su quelle cose che ha abbandonato e condannato. Dunque, al fine di lasciare da parte le vecchie definizioni della saggezza ed abbracciare l'intero sistema della vita umana, posso essere soddisfatto di questa cosa: che cos'è la saggezza?

Volere la medesima cosa e non volere la medesima cosa, sempre. E'concesso che tu non aggiunga quella famosa condizione che sia onesto ciò che tu voglia; a nessuno, infatti, può piacere sempre la medesima cosa, se essa non è onesta.

Gli uomini non sanno che cosa vogliano, se non in quel momento in cui lo vogliono; per nessuno è stato stabilito una volta per tutte il volere o il non volere; la scelta viene cambiata ogni giorno e viene trasformata nel suo opposto, e dai più la vita viene mandata avanti come un gioco. Persegui, dunque, ciò che hai cominciato, e forse verrai condotto alla vetta!

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:23 - flow version _RPTC_H2.3