Perseo uccide Medusa - Versione Mirum Iter

Perseus narrat sub gelido Atlante esse locum tutum munimine solidae molis …

Perseo racconta che, sotto il gelido Atlante, c'è un luogo sicuro grazie alla protezione della massiccia montagna; e che all'ingresso abitavano le sorelle gemelle Forcidi, le quali condividevano tra loro l'utilizzo di un unico occhio; che lui, con un ingegnoso stratagemma, prese l'occhio mentre veniva scambiato e, attraverso rupi nascoste e impervie, raggiunse le sedi delle Gorgoni e dappertutto, per i campi e per le strade, vide statue di uomini e di animali trasformate in pietra proprio da loro, poiché avevano guardato Medusa.

Perseo narra che tuttavia egli scorse l'aspetto della spaventosa Medusa riflesso sul bronzo dello scudo e che, mentre un sonno pesante possedeva sia i serpenti sia Medusa stessa, egli le strappò la testa dal collo, e che dal sangue della madre nacque Pegaso, veloce grazie alle ali.

Aggiunse i pericoli del lungo volo, i mari e le terre che egli aveva visto dall'alto e le stelle che aveva raggiunto grazie alle ali.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:15 - flow version _RPTC_H2.3