Presagi sfavorevoli - Versione Mirum Iter

C. Hostilio Mancino vaesanae perseverantiae consuli in Hispaniam provinciam ituro …

A C. Ostilio Mancino, un console dalla sconsiderata testardaggine, in procinto di recarsi nella provincia di Spagna, capitavano questi presagi: quando egli voleva che a Lavinio si facesse un sacrificio, i polli sacri che erano stati fatti uscire dalla gabbia fuggirono in un bosco vicino, e, ricercati con la massima diligenza, non poterono essere ritrovati.

E, mentre egli si imbarcava su una nave da Porto Ercole, dove era arrivato a piedi, giunse alle sue orecchie questa voce, senza alcun autore: "O Mancino, aspetta!" Spaventato da questa voce, dopo che, cambiato tragitto, si fu indirizzato verso Genova, e che là fu salito su un'imbarcazione, si vide un serpente di notevole grandezza, e subito dopo scomparve dalla vista.

Così Ostilio eguagliò il numero dei presagi al numero delle sciagure: una battaglia di esito sfavorevole, un accordo disonorevole, una resa rovinosa.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:15 - flow version _RPTC_H2.3