Silla sgomina le ultime resistenze mariane

Sed cum Romae mutati consules essent Marius Marii filius ac Papirius Carbo consulatum …

Ma, dopo che a Roma furono stati cambiati i consoli, e Mario, figlio di Mario, e Papiro Carbone ebbero assunto il consolato, Silla combatté contro Mario il giovane, e, uccisi quindicimila soldati di quello, ne perdette quattrocento dei propri.

Poi entrò addirittura a Roma. A Preneste, inseguito Mario, figlio di Mario, lo assediò e lo obbligò a darsi la morte. Ebbe di nuovo uno scontro durissimo contro Lamponio e Carinate, comandanti di parte Mariana, presso porta Collina.

Raccontano che in quella battaglia contro Silla ci furono settantamila nemici. Dodicimila si arresero a Silla, tutti gli altri furono massacrati dall'ira insaziabile dei vincitori durante la battaglia, nell'accampamento, durante la fuga.

Anche Cn. Carbone, l'altro dei due consoli, da Rimini fuggì in Sicilia, e là fu ucciso per mano di Cn. Pompeo, un giovane di ventuno anni che Silla, una volta conosciuto lo zelo di quello, aveva posto a capo degli eserciti, al punto che veniva considerato da Silla un braccio destro.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:23 - flow version _RPTC_H2.3