Stravaganze di Domiziano

Inter initia principatus cotidienDomitianus secretum horarum sumere solebat …

Nei primi tempi dell'impero, Domiziano era solito prendersi ogni giorno un ritiro di qualche ora, vale a dire nient'altro che catturare delle mosche e trafiggerle con uno stilo molto appuntito.

Una volta, ad un tale che chiedeva: "C'è un altro ospite dentro?", Vibio Crispo volle dare una risposta non sciocca, infatti rispose con queste parole: "Neanche una mosca". Tutte le volte che c'era tempo libero, egli perdeva tempo con tutti i divertimenti che preferiva, infatti si divertiva con il dado.

Insofferente della fatica, non passeggiò mai per Roma senza motivo; in spedizione e in marcia voleva essere trasportato, piuttosto raramente a cavallo, e spesso con la lettiga. Era preso da una speciale passione per le frecce: spesso, infatti, i più lo videro mentre abbatteva centinaia di animali alla volta, di diversa specie, nel ritiro sul monte Albano.

Qualche volta egli fece partire delle frecce contro la palma ben aperta della mano destra di un giovane schiavo – che stava fermo a distanza e che gliela offriva allo scopo – con tanta maestria che tutte passavano attraverso gli spazi tra le dita senza fare danno.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:23 - flow version _RPTC_H2.3