Una violenta tempesta si abbatte sulle navi dei Troiani

Troianorum naves maris aequora peragrant. Mox venti ruunt et terras celeri turbine …

Le navi dei Troiani attraversano le distese del mare.

Subito si abbattono i venti e con un rapido turbine soffiano attraverso le terre. L’Euro, il Noto e l’Africo si scagliano contro il mare e spingono verso le coste enormi onde. Si leva il clamore degli uomini e lo stridore delle funi. Improvvisamente le nubi sottraggono il cielo dagli occhi dei Troiani. Una notte tenebrosa si distende sul mare.

La volta celeste tuona, l’aria brilla per i frequenti fulmini e tutte le cose minacciano agli uomini la morte imminente. Subito le membra di Enea si liberano dal freddo. Sospira, tende le due mani verso le stelle e invoca l’aiuto degli dèi.

Nel frattempo la burrasca percuote la vela e solleva enormi onde fino alle stelle. I remi si infrangono; a quel punto la prua si gira e offre il lato alle onde. Nel vasto gorgo appaiono uomini che nuotano sparsi, le armi degli uomini e, attraverso le onde, i dipinti e i tesori di Troia. Tutte le navi con le giunture dei lati aperte ricevono la pioggia implacabile.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:03 - flow version _RPTC_H2.3