Aristofane smaschera i falsi poeti - Nova mente

Vitruvio Juventas Nova Mente, nove discere

Cum in ludis poetae scripta sua recitant, cunctus populus magna voce admirationem suam significat.

Reliqui iudices pro voluntate populi scriptoribus praemia tribuunt. Aristophanes autem eorum iudicio obest et primum renuntiat poetam qui minime populo placuerat: «Is unus – inquit – est vere poeta; reliqui autem aliena carmina recitaverunt».

Omnes obstupescunt atque magno cum clamore eius sententiam improbant, rex quoque de Aristophanis auctoritate dubitat. Tum Aristophanes, cuius memoria excellens erat, infinita volumina illuc educit, veterum scriptorum carmina recitat et certis argumentis litterarum furta probat.

Itaque rex cum ignominia falsos poetas dimittit, Aristophanem vero amplis muneribus ornat et supra bybliothecam eum constituit

Quando durante giochi i poeti recitano i loro scritti, tutto il popolo manifesta la propria ammirazione con grande voce.

I rimanenti giudici attribuiscono i premi agli scrittori secondo la volontà del popolo. Invece Aristofane contesta il loro giudizio e per primo proclama un poeta che al popolo non era piaciuto minimamente: "Solamente costui" afferma "è un poeta autentico; gli altri recitano poesie di altri".

Tutti si meravigliano e con grande clamore disapprovano la sua sentenza. Anche il re dubita dell'autorevolezza di Aristofane.

Allora Aristofane, del quale era eccellente la memoria, afferra gli infiniti volumi e recita i carmi di scrittori antichi e comprova con argomenti certi i furti degli scritti. Pertano il re, congeda con infamia i poeti falsi, ricopre però Aristofane di grandi lodi e lo nomina a capo della biblioteca.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:14:43