Fedra si vendica ma poi riconosce l’innocenza di Ippolito

Phaedra ad virum suum tabellas mittit ubi iniuriae flagitiosae Hippolytum insimulat.

Theseus feminae credit, Hippolytum accusat et furibundus ob filii sui impudentiam ac contumeliam a deis poenam severam petit. Tum Hippolytus culpa vacuus et maestus propter horrendam calumniam in bigis suis regiam relinquit.

Sed repente taurus apparet et equos terret; equi igitur bigam evertunt et Hippolytus vitam amittit. Postea tamen Phaedra Hippolyti innocentiam aperit et ob malam conscientiam vitam suam abrumpit.

Aesculapius postea, medicinae deus, ad vitam Hippolytum revocat et Diana in Latium eum (= lo) adducit ubi per multos annos (per + acc. = compl. di tempo continuato) regnat beatus.

Fedra invia a suo marito delle lettere in cui accusa Ippolito di ingiurie vergognose.

Teseo crede alla donna, accusa Ippolito e, furibondo per l'impudenza e l'oltraggio di suo figlio, chiede agli dei una pena severa. Allora Ippolito, esente da colpa e rattristato per l'orrenda calunnia, lascia la reggia con la sua biga.

Ma all' improvviso appare un toro e terrorizza i cavalli; così i cavalli rovesciano la biga ed Ippolito perde la vita.

In seguito tuttavia Fedra scopre l'innocenza di Ippolito e per il rimorso si toglie la vita. Successivamente, Esculapio, dio della medicina, richiama in vita Ippolito e Diana lo conduce nel Lazio dove regna felice per molti anni.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:14:43