Il ciclo troiano La morte di Achille e di Aiace

Igino Juventas Nova Mente, nove discere

Postquam Hector sepultus est, Achilles circa Troianorum moenia superbus procedebat et dicere solebat: «Ego solus Troiam expugnavi».

Tum Apollo iratus Paridem simulavit (simulo + acc. = prendo l’aspetto di) et talum, quem mortalem habebat, sagitta percutiens Achillem occidit.

Postquam Achilles sepulturae traditus est, Aiax Telamonius, qui frater patruelis Achillis erat, a Troianis eius arma petivit.

Sed arma, ab Agamemnone et Menelao Aiaci abiurgata, Ulixi data sunt. Aiax ob intolerabilem iniuriam insania captus est: pecora sua et se occidit gladio, quem ab Hectore acceperat, postquam cum eo in singulari certamine contendit

Dopo che Ettore fu sepolto, Achille errava superbo intorno alle mura dei troiani e usava dire: "Io ho espugnato Troia da solo".

Allora Apollo, infuriato prese l'aspetto di Paride e colpendo il tallone, che aveva mortale, con una freccia uccise Achille.

Dopo che Achille fu sepolto, Aiace Telamonio, che era cugino di Achille, chiese (indietro) ai troiani le sue armi. Ma le armi, negate ad Aiace da Agamennone e Menelao, furono date ad Ulisse.

Aiace, impazzì per l'insoportabile ingiuria: uccise le proprie pecore e lui stesso con la spada che aveva preso da Ettore, dopo che con esso combattè in un combattimento singolare.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:14:43