La storia di Didone

Giustino Juventas Nova Mente, nove discere

Morendo Mutto, re di Tiro, designò come (suoi) eredi il figlio Pigmalione e la figlia Didone, vergine di straordinaria aspetto.

Ma il popolo tramandò il regno a Pigmalione, ancora alquanto giovane. Didone invece sposò suo zio Acherba, sacerdote di Ercole. Costui aveva grandi ma celate ricchezze, ma per paura del re aveva custodito l'oro non in casa, ma sotto terra; anche se gli uomini non sapevano la cosa, alla fine la voce circolava.

Pigmalione, dimentico del diritto umano, uccise suo zio senza rispetto della pietà e si impadronì delle sue ricchezze. Didone, avendo disprezzato a lungo il fratello per il delitto, arrivò all'estremo odio nei riguardi del re ma simulò di voler andare da lui affinché la casa del marito non restasse lei, desiderosa di oblio, il grave ricordo del lutto.

Pigmalione, pensando che con lei sarebbe arrivato anche l'oro di Acherba, si felicità della decisione della sorella. Così Didone, dopo aver fatto ripetutamente sacrifici a Ercole, di cui Acherba era stato sacerdote, si diresse in esilio chiedendo nuove sedi.

Mutto, rex Tyri, moriens, filium Pygmalionem et Didonem filiam, virginem insignis formae, heredes noncupavit.

Sed populus Pygmalioni, admodum puero, regnum tradidit. Dido autem Acherbae, avunculo suo, sacerdoti Herculis, nupsit. Hic magnas, sed dissimulatas opes habebat, sed aurum metu regis non tectis, sed terrae mandaverat; etsi homines eam rem ignorabant, fama tandem loquebatur. Pygmalion, oblitus iuris humani, avunculum suum sine respectu pietatis occidit et eius divitiis potitus est.

Dido, cum fratrem propter scelus diu detestata esset, ad postremum odium dissimulavit et tacita fugam molita est cum quibusdam principibus, quibus arbitrabatur par odium in regem esse et finxit ad eum se migrare velle (infinito da volo) ne mariti domus ei cupidae oblivionis gravem luctus imaginem renovaret.

Pygmalion, arbitrans cum ea etiam aurum Acherbae ad se venturum esse, consilio sororis laetatus est. Ita Dido, cum sacra Herculis, cuius sacerdos Acherbas fuerat, repetivisset, in exsilium perrexit novas sedes quaerens.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:14:43