La storia di Perseo

Nova mente, juventas, nove discere

Perseo crebbe sano e valido nella corte, ma Polidette, innamorato di Danae, desiderava sposarla.

Poiché la donna non era convinta dalle sue preghiere, il re ebbe il sospetto che il matrimonio fosse ostacolato da Perseo. Perciò, usando lo stimolo della sua ambizione di gloria, inviò il giovane a prendere la testa di Medusa, la più ripugnante delle Gorgoni, che poteva trasformare in pietra gliuomini.

Ma Perseo, con l'ausilio di Minerva tagliò la testa a Medusa, infine fugg' tormentato dalle Gorgon. Quando arrivò in Etiopia, il giovane salvò la bella Andromeda da un orribile dragone e la sposò. Dopo che ritornò a Serifo, con la testa di Medusa mutò Polidette in pietra, poi, con la moglie e la madre, si diresse verso Argo dove Acrisio, era fuggito poiché si ricordava che sarebbe morto per il nipote, era fuggito.

Ma non potè evitare il fato. Infatti Perseo arrivò a Larissa per gareggiare nei giochi pubblici: scagliando il disco, involontariamente uccise il nonno.

Perseus in aula sanus validusque crevit, sed Polydectes, Danaes cupiditate accensus, eam uxorem ducere optabat.

Quoniam mulier eius precibus non vincebatur, rex suspectum habuit a Perseo matrimonium impediri. Ideo, eius gloriae ambitionis stimulum adhibens, iuvenem misit prehensum caput Medusae, foedissimae Gorgonum, quae in saxum homines convertere poterat.

Sed Perseus, Pallados auxilio, Medusae caput detruncavit, deinde exagitatus a Gorgonibus fugit. Ubi in Aethiopiam pervenit, ab horribili dracone pulchram Andromedam servavit eamque in matrimonium duxit.

Postquam Seriphum revertit, capite Medusae in saxum Polydecten convertit, postea cum uxore matreque Argos contendit unde Acrisius, tenens memoria se per nepotem mortem occubiturum esse, fugerat. At fatum vitare non potuit. Perseus enim Larisam venit in publicis ludis certatum: discum iaciens invitus avum occidit.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:14:43