Il ciclo troiano La prova dell'arco

Juventas Nova Mente, nove discere

Inizio: Domi suae magna cum patientia Procorum iniurias Ulixes toleravit, dum in proditores poenam atrocem parat. fine: vicero, mater domi manebit et vos domo mea statim discedetis».

Ulisse sopportò con pazienza infinita le ingiurie dei proci nella sua patria, mentre preparava (letteralmente è presente) una pena atroce contro i traditori.

Allora Penelope, che non disperava del ritorno del marito, per comando di Minerva, con volto mesto e grande pena, trattenendo l'arco e la faretra nelle mani stabil' per i proci una gara: "O proci, già da molto tempo, dilapidando i beni del re, vi siete trattenuti nella mia casa.

Ora vi propongo una gara: l'uomo che riuscirà a flettere l'arco di Ulisse e scaglierà per dodici scure la freccia, mi sposerà.

Nessun uomo tranne quello mai aveva potuto flettere il meraviglioso arco di Ulisse, i proci tuttavia accettarono la condizione della regina. A quelli Telemaco: io anche, disse, farò la gara e se vincerò la gara, mia madre resterà in casa e voi subito ve ne andrete da casa mia.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:14:43