Ippolito respinge l'amore della matrigna Fedra

nova mente e nove discere

Hippolytus, puer rectus ac probus, filius erat Thesei et Hippolytae.

Inter Olympi deos deasque Dianam maxime diligebat, quae (= che, nom. ) erat dea casta et venationis (= della caccia) patrona. Hippolytus igitur magna cum peritia equitabat, in silvis feras agitabat, sed feminas et nuptias spernebat. Venus (= Venere, nom.

) autem irata ob Hippolyti neglegentiam infeste iurat: «Animum tuum inhumanum et superbum puniam, Hippolyte! Superbiae et incuriae tuae poenam lues!» Postea dea concupiscentiae flammam inculcat Phaedrae, quae erat Hippolyti noverca, et femina effrenato ac noxio studio privignum suum adamare incipit.

Hippolytus autem magna cum verecundia ac pertinacia novercam repellit. Phaedra, privigni repulsis perturbata, contumeliam et animi morbum non sustinet et poenam horrendam excogitat

Ippolito fanciullo retto e virtuoso era figlio di Teseo e di Ippolita.

Tra gli dei dell'olimpo prediligeva di più Diana che era la dea degli accampamenti e della caccia. Ippolito dunque cavalcava con grande perizia perseguitava (cacciava) le fiere nei boschi ma disdegnava le donne e le nozze. Venere quindi adirata per la negligenza di Ippolito giura minacciosamente : "Il tuo animo inumano e superbo io punirò O ippolito.

sconterai la pena della tua superbia e della tua negligenza" in seguito la dea (arsa) da fiamma di concubiscienza inizia ad amare il suo figliastro.

Ippolito con grande modestia e tenacia respinge la matrigna. Fedra sconvolta dai rifiuti del figliastro, non sostiene l'affronto e il male dell'animo ed escogita una pena tremenda

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:14:43