Cicerone prega l'amico Attico di raggiungerlo a Roma - dalla sintassi al testo

Cicerone prega l'amico Attico di raggiungerlo a Roma Autore: Cicerone
Dalla sintassi al testo n° 8 pagina 43

umquam ante arbitror te epistulam meam legisse nisi mea manu scriptam.

ex eo colligere poteris quanta occupatione distinear. nam cum vacui temporis nihil haberem, et cum recreandae voculae causa necesse esset mihi ambulare, haec dictavi ambulans. Primum igitur illud te scire volo, Sampsiceramum nostrum amicum vehementer sui status paenitere restituique in eum locum cupere ex quo decidit, doloremque suum impertire nobis et medicinam interdum aperte quaerere, quam ego possum invenire nullam; deinde omnis illius partis auctores ac socios nullo adversario consenescere, consensionem universorum nec voluntatis nec sermonis maiorem umquam fuisse.

nos autem (nam id te scire cupere certo scio) publicis a consiliis nullis intersumus totosque nos ad forensem operam laboremque contulimus. ex quo, quod facile intellegi possit, in multa commemoratione earum rerum quas gessimus desiderioque versamur. sed boopidos nostrae consanguineus non mediocris terrores iacit atque denuntiat et Sampsiceramo negat, ceteris prae se fert et ostentat.

quam ob rem si me amas tantum quantum profecto amas, si dormis expergiscere, si stas ingredere, si ingrederis curre, si curris advola. credibile non est quantum ego in consiliis prudentia tua, quodque maximum est, quantum in amore et fide ponam. magnitudo rei longam orationem fortasse desiderat, coniunctio vero nostrorum animorum brevitate contenta est. permagni nostra interest te, si comitiis non potueris, at declarato illo esse Romae. cura ut valeas.

Credo chee tu non abbia mai letto una mia lettera se non scritta dimio pugno, da questa tu sei padrone di concludere da quanti impegni io sia occupato: infatti non avendo tempo libero, io ho dettato camminado queste parole.

Noi (so certamente che tu desideri conoscere ciò) non partecipiamo ad alcuna assemblea pubblica e tutti gioviamo all’opera del lavoro pubblico. Ma Clodio sparge un non piccolo spavento e una minaccia e quella il fatto se mi ami quanto certamente mi ami: se dormi svegliati, se sei già alzato, inizia il cammino, se inizi il cammino vorri, se corri vola.

E’ incredibile quanto io pongo in senno sia una provvidenza dia poiché lo è soprattutto quanto in amore e in fede.

L?importanza della cosa forse richiede un lungo discorso, in verità il rapporto di amicizia dai notri animi è stato limitato da molto tempo. A noi importa molto che tu se non potrai con le assemblee almeno quando Clodio sarà proclamato tribuno (tu) sia qui.
Abbi cura di te

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:08:54