Cicerone confronta le qualità di Scevola e Crasso -Versione cicerone libro optime

Cicerone confronta le qualità di Scevola e Crasso Cicerone libro nexus e Optime

Nullus vir fuit in nostra civitate praestantior Scaevola et Crasso.

Nam alter iuriconsultorum fuit disertissimus, alter disertorum hominum fuit consultissimus; in reliquis rebus dissimillimi erant inter se, tamen haud scio utrius me similiorem esse cupiam.

Crassus erat elegantium hominum parcissimus, Scaevola parcorum hominum elegantissimus; Crassus in iucundissima comitate habebat etiam severitatis satis, Scaevolae multa in severitate no deerat tamen comitas.

Omnes virtutes excellentissimae erant in iis, nec poterat intellegi uter laudabilior esset

Nella nostra cittadinanza nessun uomo fu più prestante di Scevola e Crasso (ablativo perchè c'è compl.di maggioranza) . Infatti uno(fra i 2) fè statoun un espertissimo giurista, l'altro fu (l'uomo) pià ricco di giudizio fra tutti gli uomini, erano molto diversi nelle rimanenti cose fra loro, ma non so a quale dei due vorrei essere più simile. Crasso era molto parsimonioso fra uomini elegantissimi, Scevola assai elegante fra uomini parsimoniosi, Crasso tra la sua piacevolissa affabilità possedeva anche una certa severità, nella molta severità di Scevola non mancava anche affabilità. Tutte le virtù più eccelse erano in quelli, nè poteva essere inteso quale fra i due (uomini( fosse più degno di lode

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:13:23