Tragica morte di alcuni famosi poeti (Versione latino Valerio Massimo)

Tragica morte di alcuni famosi poeti
versione latino di Valerio massimo libro rosa Rosae

Aeschyli poetae excessus, quemadmodum non voluntarius, sic propter novitatem casus, memorabilis est.

In Sicilia, ex moenibus urbis, in qua morabatur, egressus, aprico in loco resedit. Super eum aquila testudinem ferens, elusa splendore capitis (erat enim capillis vacuum), perinde ac lapidi eam illisit, ut carne fractae testudinis vesceretur. Eo ictu origo et principium Graecae tragoediae extinctum est.

Non vulgaris etiam Homeri mortis causa fertur. Qui in insula, quia quaestionem a piscatoribus positam solvere non potuisset, dolore absumptus creditur.

Sed atrocius aliquanto Euripides finitus est. Ab Archelai enim regis coena in Macedonia domum repetens, canum morsibus laniatus obiit. Sophocles ultima iam senectute, cum in certamine tragoediam dixisset, ancipiti sententiarum eventu diu sollicitus, aliquando tamen, una sententia victor, causam mortis gaudium habuit.

La morte del poeta Eschilo, come fu involontaria, così per il modo insolito dell’avvenimento, è da ricordare.

In Sicilia, uscito dalle mura della città, nella quale si tratteneva, si fermò in un luogo soleggiato. Mentre un’aquila portava una tartaruga sopra di lui, ingannata dalla lucentezza della testa (infatti era pelato), la scagliò come su una roccia, per cibarsi della carne della tartaruga frantumata. A causa di quel colpo [eo ictu], si spense l’origine e il principio della tragedia greca.

Si tramanda anche la causa non comune della morte di Omero. Si crede che in un isola fu ucciso dal dolore, poiché non poté risolvere una domanda postagli dai pescatori. Ma Euripide morì ancora più atrocemente.

Infatti in Macedonia, tornando a casa da una cena presso il re Archelao [lett. : del re Archelao], morì dilaniato dai morsi dei cani. Sofocle ormai estremamente vecchio, dopo aver recitato una tragedia in una gara, a lungo in ansia per l’incerto esito dei giudizi, tuttavia alla fine, vincitore per un sol voto, ebbe come causa della morte la gioia.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:17:09