Admèto e Alcèsti

Olim ut mythus tradit Iuppiter …

Un giorno, come narra il mito, Giove voleva punire Apollo per la sua superbia; per questo lo manda dal re Admeto in Tessaglia, dove il dio, per un anno, viene costretto a portare al pascolo, in qualità di pastore, le greggi del re.

Admeto, non conosceva la natura divina di Apollo, ma trattava il giovane con grandissima generosità e lo teneva nella cerchia degli amici. Per questo, quando Admeto viene colpito da una malattia mortale, Apollo, riconoscente, vuole salvare il re, e dice: "Oh re, potrai evitare la morte, se qualcuno, familiare o amico, offrirà la sua vita in cambio della tua vita e vorrà morire al tuo posto".

Admeto implora aiuto dai genitori, ma né il padre, né la madre, sebbene vecchi, vogliono morire al posto del figlio; solo Alcesti, giovane e bella moglie di Admeto, offre la propria vita in cambio della vita del marito e per amore si dà la morte.

Ma per caso Ercole giunge alla reggia di Admeto e viene a sapere della morte di Alcesti: allora scende agli Inferi, strappa Alcesti alla morte, e la restituisce ad Admeto.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:54:54 - flow version _RPTC_H2.3