I misfatti di Verre

Verres homo nobilis sed improbus ac perditus a Senatu in Siciliam propraetor …

Verre, uomo nobile, ma disonesto e corrotto, mandato in Sicilia dal senato in qualità di propretore, amministrò la provincia in maniera vergognosa per un periodo di tre anni; per questo i Siciliani, afflitti per i suoi crimini, lo citarono in giudizio.

Cicerone difese la causa dei Siciliani: si diresse di persona in Sicilia, e, nel giro di pochi mesi, con la massima attenzione, trovò le prove e le testimonianze di tutti i crimini di Verre. Infatti, il propretore scellerato aveva tormentato gli abitanti della Sicilia con nuove pesanti tasse;

aveva torturato ed ucciso dei cittadini Romani come (fossero) schiavi; aveva liberato dalle carceri uomini malvagi e colpevoli, e aveva condannato uomini probi e innocenti; aveva aperto ai pirati porti ben fortificati e città sicure; aveva oppresso con la fame i marinai ed i soldati dei Siciliani, alleati ed amici del popolo Romano.

Per giunta, da Verre erano state perse grandi flotte, con grande disonore, e molti edifici, pubblici e privati, erano stati spogliati delle statue e delle suppellettili. Infine, aveva commesso crimini infami, non aveva mantenuto la parola data, aveva violato tutte le leggi divine ed umane.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:54:54 - flow version _RPTC_H2.3