I Romani ai tempi di Romolo

Sub Romuli regno Romani agricolae et...

Sotto il regno di Romolo i Romani erano pastori e agricoltori; la loro vita era onesta e modesta, e grande era la concordia di tutto il popolo.

I Romani praticavano volentieri l'agricoltura, poiché era l'unica difesa contro la penuria di cibo. Le loro dimore private erano piccole e modeste, ma gli edifici pubblici e i templi degli dèi erano grandi e sontuosi. Il padre di famiglia esercitava un potere severo sui figli e sui suoi schiavi, ma né i figli, né gli schiavi trascuravano il loro dovere.

I Romani però non maneggiavano soltanto l'aratro, ma anche le armi. Spesso infatti, dalle città limitrofe, i Sabini, o i Tusci, o gli altri popoli che volevano conquistare Roma e sottomettere i suoi abitanti, saccheggiavano i villaggi e i campi dei Romani e attaccavano Roma.

Allora i Romani prendevano le armi, combattevano valorosamente e cacciavano dalla loro patria i nemici; però essi, quando vincevano, non violavano i templi dei nemici, ma offrivano ai loro dèi sacrifici propiziatori. E così i Romani per la loro clemenza e per la loro devozione, venivano protetti dagli dèi e Roma accresceva sempre di più il suo potere.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:54:46 - flow version _RPTC_H2.3