Il diluvio universale: Noè

Noe Dei iussu in arca cum coniuge tribus filiis totidemque nuribus et bina animalia in singulum genus iniverat …

Noè, su ordine di Dio, era entrato nell'arca con la coniuge, tre figli e altrettante nuore, e due animali di ciascuna specie.

Allora le acque di tutti i mari e di tutti i laghi, dei fiumi e delle sorgenti, erano esondate al di sopra della terraferma; al contempo, a causa della pioggia che era caduta sulla terra per quaranta giorni e quaranta notti, l'acqua aveva ricoperto anche le montagne altissime, sull'intero pianeta.

Tutti gli esseri viventi erano morti nel diluvio, dall'uomo ai capi di bestiame, ai rettili, e agli uccelli del cielo. Era rimasto il solo Noè, insieme a coloro che si trovavano nell'arca insieme a lui.

Quando le acque cominciarono ad abbassarsi, Noè, che desiderava vedere se si fossero ritirate le acque, aprì la finestra dell'arca, e lasciò uscire un corvo, il quale non ritornò; allora lasciò uscire una colomba, la quale, verso sera, ritornò con un ramo d'ulivo, che indicava la fine del diluvio. Allora Noè uscì dall'arca con la moglie ed i figli.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:54:54 - flow version _RPTC_H2.3