Il sacrificio di Ifigenìa

In Aulide Graecorum naves paratae ad …

In Aulide le navi dei Greci erano state allestite per la partenza, ma la flotta era continuamente trattenuta dai venti contrari.

Allora i capi dei Greci persuasero Agamennone, condottiero della guerra contro Troia, ad interrogare l'indovino Calcante. Calcante rispose così: "Tu, oh Agamennone, hai commesso un'azione empia contro la dea Diana, perché hai ucciso una cerva sacra alla dea. Unicamente con il sacrificio di tua figlia Ifigenia potrà essere placata la collera di Diana: solo allora la dea ti perdonerà e soffieranno di nuovo venti favorevoli alla navigazione.

Agamennone dapprima rifiutò il crimine nefando, ma alla fine, incitato dalle preghiere degli altri capi dei Greci, obbedì alla volontà della dea.

Quando Ifigenia seppe il suo destino, spinta dall'amore per il padre e per la patria, acconsentì al sacrificio con animo sereno. Ormai il sacerdote preparava il pugnale per il sacrificio di Ifigenia, quando all'improvviso, per volere di Diana, apparve una cerva e fu sacrificata la posto della fanciulla. Ifigenia fu portata dalla dea nella terra dei Tauri, dove divenne sacerdotessa nel tempio di Diana.

release check: 2020-07-13 22:15:54 - flow version _EXTP_H1