Insistendo ... si ottiene - Versione Sermo et Humanitas e lingua e cultura latina

Quidam Graecus qui se peritum poetam putabat …

Un Greco, che si considerava un abile poeta, poiché voleva guadagnarsi la riconoscenza dell'imperatore Augusto, ogni giorno andava incontro ad Augusto e gli porgeva un lungo poema, dove venivano celebrate non soltanto le innumerevoli e stupefacenti qualità dell'imperatore, ma anche la (sua) devozione nei confronti degli dèi.

Inoltre Augusto veniva definito "vanto del genere umano" e "lume dell'impero Romano".

Ma Augusto, che disprezzava gli adulatori e i cattivi poeti, ogni giorno scacciava quell'uomo e rifiutava la sua opera. Alla fine l'imperatore, stanco della testardaggine del poeta, a sua volta scrive un piccolo testo in versi per scherno del poeta, e, quando vede il Greco, gli porge la propria opera.

Il poeta legge immediatamente i versi di Augusto, e finge una grande gioia, poi dà all'imperatore poche monete dicendo: "Vorrei darti di più, ma non ho altro!". Augusto ride e, molto divertito dalla sua astuzia, dona centomila sesterzi al cattivo poeta.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:54:46 - flow version _RPTC_H2.3