La scelta di Ercole - Versione Sermo et Humanitas

Duae virgines formosae Herculi …

Due giovani di bell'aspetto vanno incontro al giovane Ercole in un bivio.

La prima, fanciulla di stupefacente bellezza, vestita con splendidi ornamenti e abbellita con gioielli d'oro e d'argento, dice con voce dolce: "Io sono chiamata Piacere e offro agli uomini un facile cammino. Se andrai per la mia strada, riempirai il tuo animo di grandi gioie e piaceri".

La seconda, invece, donna di grande modestia, vestita con una veste squallida, dice ad Ercole: "Io sono chiamata Virtù, non ascoltare le lusinghe del Piacere, ma scegli la mia strada! Andrai per un cammino lungo e impervio, scalerai ardue montagne, attraverserai fiumi profondi, affronterai molti pericoli, ma alla fine giungerai alla gloria eterna.

Infatti i piaceri sono effimeri, la gloria della Virtù è eterna". Ercole obbedisce a queste parole della Virtù e, senza indugio, sceglie la via della Virtù.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:54:54 - flow version _RPTC_H2.3