La creazione del decemvirato

Vertere pagina 138 numero 148

Inizio: Anno trecentesimo secundo postquam condita Roma erat iterum mutatur forma civitatis, ...Fine: Decimo quoque die singuli ius reddebant populo.

Nell'anno trecentodue dopo che Roma era stata fondata fu cambiato l'aspetto dello stato, passando il comando dai consoli ai decemviri, così come allo stesso modo in precedenza era passato ai consoli.

Il cambiamento fu meno straordinario poiché non di lunga durata. Furono creati decemviri (dieci uomini) fra i quali Claudio e Genucio, che erano stati designati consoli l'anno precedente, e Sestio un altro dei consoli dell'anno precedente che aveva portato la cosa/la proposta al senato.

A questo furono aggiunti tre legati, che erano andati ad Atene per osservare il suo ordinamento.

Infatti il senato credeva che quelli, esperti di leggi straniere, , sarebbero stati d'utilità per ideare nuove leggi. Il comando di tutta la magistratura era nelle mani di Appio. Ogni dieci giorni ognuno emetteva una legge per il popolo .

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-12-16 19:57:33 - flow version _RPTC_H2.3