il mito dell'origine delle cicale - Platone testo greco e traduzione

IL MITO DELL'origine delle CICALE
Versione greco di Platone

Οὐ μὲν δὴ πρέπει γε φιλόμουσον ἄνδρα τῶν τοιούτων ἀνήκοον εἶναι.

λέγεται δ' ὥς ποτ' ἦσαν οὗτοι ἄνθρωποι τῶν πρὶν Μούσας γεγονέναι, γενομένων δὲ Μουσῶν καὶ φανείσης ᾠδῆς οὕτως ἄρα τινὲς τῶν τότε ἐξεπλάγησαν ὑφ' ἡδονῆς, ὥστε ᾄδοντες ἠμέλησαν σίτων τε καὶ ποτῶν, καὶ ἔλαθον τελευτήσαντες αὑτούς• ἐξ ὧν τὸ τεττίγων γένος μετ' ἐκεῖνο φύεται, γέρας τοῦτο παρὰ Μουσῶν λαβόν, μηδὲν τροφῆς δεῖσθαι γενόμενον, ἀλλ' ἄσιτόν τε καὶ ἄποτον εὐθὺς ᾄδειν, ἕως ἂν τελευτήσῃ, καὶ μετὰ ταῦτα ἐλθὸν παρὰ Μούσας ἀπαγγέλλειν τίς τίνα αὐτῶν τιμᾷ τῶν ἐνθάδε.

Τερψιχόρᾳ μὲν οὖν τοὺς ἐν τοῖς χοροῖς τετιμηκότας αὐτὴν ἀπαγγέλλοντες ποιοῦσι προσφιλεστέρους, τῇ δὲ Ἐρατοῖ τοὺς ἐν τοῖς ἐρωτικοῖς, καὶ ταῖς ἄλλαις οὕτως, κατὰ τὸ εἶδος ἑκάστης τιμῆς• τῇ δὲ πρεσβυτάτῃ Καλλιόπῃ καὶ τῇ μετ' αὐτὴν Οὐρανίᾳ τοὺς ἐν φιλοσοφίᾳ διάγοντάς τε καὶ τιμῶντας τὴν ἐκείνων μουσικὴν ἀγγέλλουσιν, αἳ δὴ μάλιστα τῶν Μουσῶν περί τε οὐρανὸν καὶ λόγους οὖσαι θείους τε καὶ ἀνθρωπίνους ἱᾶσιν καλλίστην φωνήν.

Non è quindi conveniente che l’uomo che ama la musica sia ignorante di tali cose.

Si racconta che una volta proprio gli uomini erano tra loro prima che nascessero le Muse, e quando nacquero le Muse e comparve il canto alcuni di questi di allora a tal segno furono storditi dal piacere al punto che, per cantare, scordavano cibo e bevanda e neppure si accorgevano di morire; da costoro ed inseguito a ciò discese la famiglia delle cicale, che dalle Muse fu concesso il favore di non aver affatto bisogno da quando sono nate di cibo, ma di poter cantare subito, senza mangiare e bere, fino alla morte, e dopo, di andare presso le Muse a riferire chi le onori sulla terra e quale di esse ciascuno veneri.

A Tersicore dunque le cicale menzionano quelli che l’hanno venerata con le danze, e così li rendono assai cari a lei, a Erato, parlano di quelli che la venerano in canti d’amore, e alle altre Muse ugualmente secondo l’arte per cui ciascuna è onorata; alla più anziana, Calliope e a quella dopo di lei Urania, esse menzionano quelli che passano la vita a filosofare e così onorano l’arte musica proprio di quelle.

Queste sopra tutte le altre Muse presiedendo alle cose celesti ed occupandosi dei discorsi divini, sanno il canto più soave.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 07:24:55