Il vero significato dell'oracolo di Apollo - Platone Apologia di socrate IX 23

IL VERO SIGNIFICATO DELL'ORACOLO DI APOLLO
VERSIONE DI GRECO di Platone
Traduzione Apologia di Socrate IX 23
testo greco originale

Ἐκ ταυτησὶ δὴ τῆς ἐξετάσεως, ὦ ἄνδρες Ἀθηναῖοι, πολλαὶ μὲν ἀπέχθειαί μοι γεγόνασι καὶ οἷαι χαλεπώταται καὶ βαρύταται, ὥστε πολλὰς διαβολὰς ἀπ' αὐτῶν γεγονέναι, ὄνομα δὲ τοῦτο λέγεσθαι, σοφὸς εἶναι· οἴονται γάρ με ἑκάστοτε οἱ παρόντες ταῦτα αὐτὸν εἶναι σοφὸν ἃ ἂν ἄλλον ἐξελέγξω. τὸ δὲ κινδυνεύει, ὦ ἄνδρες, τῷ ὄντι ὁ θεὸς σοφὸς εἶναι, καὶ ἐν τῷ χρησμῷ τούτῳ τοῦτο λέγειν, ὅτι ἡ ἀνθρωπίνη σοφία ὀλίγου τινὸς ἀξία ἐστὶν καὶ οὐδενός. καὶ φαίνεται τοῦτον λέγειν τὸν Σωκράτη, προσκεχρῆσθαι δὲ τῷ ἐμῷ ὀνόματι, ἐμὲ παράδειγμα ποιούμενος, ὥσπερ ἂν ‹εἰ› εἴποι ὅτι "Οὗτος ὑμῶν, ὦ ἄνθρωποι, σοφώτατός ἐστιν, ὅστις ὥσπερ Σωκράτης ἔγνωκεν ὅτι οὐδενὸς ἄξιός ἐστι τῇ ἀληθείᾳ πρὸς σοφίαν. " ταῦτ' οὖν ἐγὼ μὲν ἔτι καὶ νῦν περιιὼν ζητῶ καὶ ἐρευνῶ κατὰ τὸν θεὸν καὶ τῶν ἀστῶν καὶ ξένων ἄν τινα οἴωμαι σοφὸν εἶναι· καὶ ἐπειδάν μοι μὴ δοκῇ, τῷ θεῷ βοηθῶν ἐνδείκνυμαι ὅτι οὐκ ἔστι σοφός.

καὶ ὑπὸ ταύτης τῆς ἀσχολίας οὔτε τι τῶν τῆς πόλεως πρᾶξαί μοι σχολὴ γέγονεν ἄξιον λόγου οὔτε τῶν οἰκείων, ἀλλ' ἐν πενίᾳ μυρίᾳ εἰμὶ διὰ τὴν τοῦ θεοῦ λατρείαν.
testo greco per ricerca facilitata
Εκ ταυτησι δη της εξετασεως, ω ανδρες Αθηναιοι, πολλαι μεν απεχθειαι μοι γεγονασι και οιαι χαλεπωταται και βαρυταται, ωστε πολλας διαβολας απ' αυτων γεγονεναι, ονομα δε τουτο λεγεσθαι, σοφος ειναι: οιονται γαρ με εκαστοτε οι παροντες ταυτα αυτον ειναι σοφον α αν αλλον εξελεγξω.

Το δε κινδυνευτι, ω ανδρες, τω οντι ο θεος σοφος ειναι, και εν τω χρησμω τουτω τουτο λεγειν, οτι η ανθρωπινη σοφια ολιγου τινος αξια εστιν και ουδενος. Και φαινεται τουτον λεγειν τον Σωκρατη, προσκεχρησθαι δε τω εμω ονοματι, εμε παραδειγμα ποιουμενος, ωσπερ αν ει ειποι οτι "Ουτος υμων, ω ανθρωποι, σοφωτατος εστιν, οστις ωσπερ Σωκρατης εγνωκεν οτι ουδενος αξιος εστι τη αληθεια προς σοφιαν". Ταυτ' ουν εγω μεν ετι και νυν περιιων ξητω και ερευνω κατα τον θεον και των αστων και ξενων αν τινα οιωμαι σοφον ειναι: και επειδαν μοι μη δοκη, τω θεω βοηθων ενδεικνυμαι οτι ουκ εστι σοφος. Και υπο ταυτης της ασχολιας ουτε τι των της πολεως πραξαι μοι σχολη γεγονεν αξιον λογου ουτε των οικειων, αλλ' εν πενια μυρια ειμι δια την του θεου λατρειαν.

TRADUZIONE

O uomini ateniesi, da questa indagine sono nate molte inimicizie e quelle più pericolose e gravi, così che molte calunnie sono derivate da queste e poi questo nome, cioè che io sono detto essere sapiente; infatti ciascuno dei presenti crede che io sia saggio per il fatto che io confuto gli altri.

Ma c’è pericolo, o cittadini, che il dio sia veramente sapiente e che in questo oracolo questo voglia dire, che la sapienza umana è degna di poco o anzi di niente.

E sembra nomini questo Socrate, e che faccia uso del mio nome, facendo di me un esempio; come se dicesse: “questi, o uomini, è il più sapienti di voi, che come Socrate sa che non è degno di niente in verità quanto a sapienza”. E’ questo che anche ora io cerco e domando in ossequio alla divinità, andando in giro, a chi dei cittadini e degli stranieri crede di essere sapiente.

E qualora mi sembri che non lo sia difendendo il dio gli dimostro che non è sapiente. E per questa occupazione né ho avuto tempo di occuparmi di nessuno degli affari della città in modo degno di menzione e neppure di quelli privati, ma mi trovo in una straordinaria povertà per il servizio al dio.

Copyright © 2007-2020 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2020 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2020-01-21 14:55:39 - flow version _RPTC_CGV1.1