Perchè Socrate considerava la morte la massima felicità

Ταυτα Σωκρατης εγιγνωσκε περι του θανατου: « Εγω μεν πολλακις θελω τετελευτηκεναι, ει ο ανθρωπος, ελθων εις Αιδου, οπου απαντες εισιν οι τετελευτηκοτες, γνωρισει τους αληθως δικαστας, οιπερ λεγονται εκει δικαζειν, Μινως τε και Ταδαμανθυς και Αιακος και ριπτολεμος και αλλοι οσοι των ημιυεων οιηγαγον ριον μετα του δικαιου.

Επι ποσω δ' αν τις δεξαιτο εξετασαι τον επι Τροιαν αγαγοντα την πολλην στρατιαν η Οδυσσεα η Σισυφον; Εκεινοις δη διαλεγεσθαι και εςεταζειν αμηχανον αν ειη ευδαιμονιας.

Προς δε τουτοις ευοαιμονεστεροι εισιν οι εκει των ενβαοε, οτι ηδη τον λοιπον χρονον αθανατοι εισιν. Ει ουν τοιουτον ο θανατος εστι, κερδος λεγω αυτον ειναι».

Perchè Socrate considerava la morte la massima felicità VERSIONE DI GRECO di Platone TRADUZIONE DA La lingua dei greci

Queste cose Socrate pensava sulla morte: "io spesso desidero essere morto, se l'uomo, giunto nell'Ade, dove vi sono tutti coloro che sono morti, troverà i veri giudici, dove dicono che lì giudicano, Minosse e Radamante, Aiace e Trittolemo e quanti altri tra i semidei passarono la vita secondo giustizia.

A quale prezzo si accetterebbe di interrogare colui che ha condotto contro Troia la grande spedizione, o Ulisse o Sisifo? Discutere con essi e interrogarli sarebbe una felicità immensa.

Inoltre coloro che sono laggiù sono più felici di noi che siamo qua, perché ormai per il resto del tempo sono immortali. Se dunque tale è la morte, dico che essa è un guadagno.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 08:35:13