Socrate continua la sua ricerca I POETI versione greco Platone

Socrate continua la sua ricerca I poeti Parte I e II
versione greco Platone e traduzione
parte 1

Μετα ταυτ' ουν ηδη εφεξης ηα, αισθανομενος μεν και λυπουμενος και δεδιως οτι απηχθανομην, ομος δε αναγκαιον εδοκει ειναι το του θεου περι πλειστου ποιεισθαι ιτεον ουν, σκοπουντι τον χρησμον τι λεγει, επι απαντας τους τι δοκουντας ειδεναι. Και νη τον κυνα, ω ανδρες Αθηναιοι - δει γαρ προς υμας ταληθη λεγειν - η μην εγω επαθον τι τοιουτον: οι μεν μαλιστα ευδοκιμουντες εδοξαν μοι ολιγου δειν του πλειστου ενδεεις ειναι ζητουντι κατα τον θεον, αλλοι δε δοκουντες φαυλοτεροι επιεικεστεροι ειναι ανδρες προς το φρονιμως εχειν.

Δει δη υμιν την εμην πλανην επιδειξαι ωσπερ πονους τινας πονουντος ινα μοι και ανελεγκτος η μαντεια γενοιτο. Μετα γαρ τους πολιτικους ηα επι τους ποιητας τους τε των τραγωδιων και τους των διθυραμβων και τους αλλους, ως ενταυθα επ' αυτοφωρω καταληψομενος εμαυτον αμαθεστερον εκεινων οντα.

parte 2

Αναλαμβανων ουν αυτων τα ποιηματα α μοι εδοκει μαλιστα πεπραγματευσθαι αυτοις, διηρωτων αν αυτους τι λεγοιεν, ιν' αμα τι και μανθανοιμι παρ' αυτων. Αισχυνομαι ουν υμιν ειπειν, ω ανδρες, ταληθη: ομως δε ρητεον. Ως επος γαρ ειπειν ολιγου αυτων απαντες οι παροντες αν βελτιον ελεγον περι ων αυτοι επεποιηκεσαν. Εγνων ουν αυ και περι των ποιητων εν ολιγω τουτο, οτι ου σοφια ποιοιεν α ποιοιεν, αλλα φυσει τινι και ενθουσιαζοντες ωσπερ οι θεομαντεις και οι χρησμωδοι: και γαρ ουτοι λεγουσι μεν πολλα και καλα, ισασιν δε ουδεν ων λεγουσι. Τοιουτον τι μοι εφανησαν παθος και οι ποιηται πεπονθοτες, και αμα ησθομην αυτων δια την ποιησιν οιομενων και ταλλα σοφωτατων ειναι ανθρωπων α ουκ ησαν. Απηα ουν και εντευθεν τω αυτω οιομενος περιγεγονεναι ωπερ και των πολιτικων.

Traduzione parte I

Già dopo queste cose io andai oltre, accorgendomi con dolore e con spavento che ero odiato ma tuttavia mi sembrava essere necessario tenere nel maggiore conto soprattutto il responso del dio.

Bisogna andare, indagando che cosa dice l’oracolo, da tutti quelli che sembravano sapere qualcosa. E per il cane!, o uomini ateniesi, - infatti bisogna dire a voi la verità -, ecco che cosa mi capitò: coloro che avevano maggior fama, sembravano quasi i più in difetto a me che ricercavo secondo la volontà del dio, uomini più dotati quanto saggezza.

Bisogna proprio che vi esponga il mio vagabondare come di uno che si assoggettò a fatiche affinché l’oracolo divenisse per me inconfutabile.

Dopo i politici io andai dai poeti sia quelli delle tragedie che quelli dei ditirambi e anche gli altri, come per sorprendere sul fatto me stesso che ero più ignorante di loro.

Traduzione parte II

Prendendo le opere di questi, le quali mi sembravano essere state elaborate da loro con maggiore cura, chiesi loro che cosa avessero voluto dire, affinché io potessi capirlo da loro. Io mi vergogno nel dire, o uomini ateniesi, la verità: tuttavia devo dirla. Per così dire, quasi tutti i presenti tra loro dicevano il meglio su ciò che essi stessi avevano scritto. Capii in conclusione anche a proposito dei poeti, in breve tempo questo, che non per sapienza facevano quel che facevano, ma per una capacità naturale ed in preda ad ispirazione divina, come i profeti e gli indovini; anche questi infatti dicono molte e belle cose, ma non sanno nulla di ciò che dicono. Mi sembrò che anche i poeti si trovassero in una tale condizione e contemporaneamente mi accorsi che essi credevano di essere, grazie alla poesia, uomini sapientissimi anche in altre cose in cui non lo erano. Me ne andai da lì pensando tra me di superarli per lo stesso motivo dei politici.

Copyright © 2007-2020 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2020 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2020-01-21 14:56:21 - flow version _RPTC_CGV1.1