socrate si difende dall'accusa di atenismo - versione greco Platone

SOCRATE SI DIFENDE DALL'ACCUSA DI ATEISMO
apologia di socrate III 19 b c d
VERSIONE DI GRECO di Platone

Ἀναλάβωμεν οὖν ἐξ ἀρχῆς τίς ἡ κατηγορία ἐστὶν ἐξ ἧς [b] ἡ ἐμὴ διαβολὴ γέγονεν, ᾗ δὴ καὶ πιστεύων Μέλητός με ἐγράψατο τὴν γραφὴν ταύτην.

εἶεν· τί δὴ λέγοντες διέβαλλον οἱ διαβάλλοντες; ὥσπερ οὖν κατηγόρων τὴν ἀντωμοσίαν δεῖ ἀναγνῶναι αὐτῶν· "Σωκράτης ἀδικεῖ καὶ περιεργάζεται ζητῶν τά τε ὑπὸ γῆς καὶ οὐράνια καὶ τὸν ἥττω λόγον κρείττω [c] ποιῶν καὶ ἄλλους ταὐτὰ ταῦτα διδάσκων. " τοιαύτη τίς ἐστιν· ταῦτα γὰρ ἑωρᾶτε καὶ αὐτοὶ ἐν τῇ Ἀριστοφάνους κωμῳδίᾳ, Σωκράτη τινὰ ἐκεῖ περιφερόμενον, φάσκοντά τε ἀεροβατεῖν καὶ ἄλλην πολλὴν φλυαρίαν φλυαροῦντα, ὧν ἐγὼ οὐδὲν οὔτε μέγα οὔτε μικρὸν πέρι ἐπαΐω.

καὶ οὐχ ὡς ἀτιμάζων λέγω τὴν τοιαύτην ἐπιστήμην, εἴ τις περὶ τῶν τοιούτων σοφός ἐστιν ‑ μή πως ἐγὼ ὑπὸ Μελήτου τοσαύτας δίκας φεύγοιμι ‑ ἀλλὰ γὰρ ἐμοὶ τούτων, ὦ ἄνδρεςἈθηναῖοι, οὐδὲν μέτεστιν.

[d] μάρτυρας δὲ αὖ ὑμῶν τοὺς πολλοὺς παρέχομαι, καὶ ἀξιῶ ὑμᾶς ἀλλήλους διδάσκειν τε καὶ φράζειν, ὅσοι ἐμοῦ πώποτε ἀκηκόατε διαλεγομένου ‑ πολλοὶ δὲ ὑμῶν οἱ τοιοῦτοί εἰσιν ‑ φράζετε οὖν ἀλλήλοις εἰ πώποτε ἢ μικρὸν ἢ μέγα ἤκουσέ τις ὑμῶν ἐμοῦ περὶ τῶν τοιούτων διαλεγομένου, καὶ ἐκ τούτου γνώσεσθε ὅτι τοιαῦτ' ἐστὶ καὶ τἆλλα περὶ ἐμοῦ ἃ οἱ πολλοὶ λέγουσιν...[. .]

Riprendiamo da principio quale sia l’accusa, dalla quale la cattiva opinione su di me è nata, alla quale prestando fede, Melito formulò contro di me questa accusa.

Sia; con quali argomenti (lett. Che cosa dicendo) i detrattori mi calunniavano? Bisogna leggere la loro accusa come se fosse l’atto di accusa di formali accusatori: «Socrate è colpevole e perde il tempo ricercando le cose sotto il suolo e le cose celesti, e rendendo il discorso peggiore migliore, insegnando queste cose ad altri ». E’ un’accusa tale: infatti anche voi stessi vedevate tale spettacolo nella commedia di Aristofane, una specie di Socrate che va in giro, che dice di camminare per l’aria e blatera molte altre sciocchezze intorno a cose delle quali io non mi intendo né molto né poco.

Io non dico ciò per svalutare tale tipo di sapere, se pure esiste qualcuno sapiente intorno ad argomenti siffatti. Non vorrei rischiare eventualmente una denuncia da parte di Melito anche per questo, ma, o cittadini ateniesi, io non ho a che fare con nessuna delle cose siffatte.

Io presento come testimoni la maggior parte stessa di voi e vi domando di parlare tra di voi e di dichiarare quanti hanno mai udito me mentre parlavo; molti i voi sono tali: parlatene fra di voi se mai qualcuno di voi mi ha udito che discorrevo intorno a tali argomenti, molto o poco; e saprete finalmente che le cose che molti dicono su di me sono false

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 07:25:04