Un locus amoenus

Νη την Ηραν, καλη γε η καταγωγη.

Η τε γαρ πλατανος αυτη μαλ' αμφιλαφης τε και υψηλη, του τε αγνου το υψος και το συσκιον παγκαλον, και ως ακμην εχει της ανθης, ως αν ευωδεστατον παρεχοι τον τοπον η τε αυ πηγη χαριεστατη υπο της πλατανου ρει μαλα ψυχρου υδατος, ωστε γε τω ποδι τεκμηρασθαι.

Νυμφων τε τινων και Αχελωου ιερον απο των κορων τε και αγαλματων εοικεν ειναι. Ει δ' αυ βουλει, το ευπνουν του τοπου ως αγαπητον και σφοδρα ηδυ· θερινον τε και λιγυρον υπηχει τω των τεττιγων χορω.

Παντων δε κομψοτατον το της ποας, οτι εν ηρεμα προσαντει ικανη πεφυκε κατακλινεντι την κεφαλην παγκαλως εχειν. Ωστε αριστα σοι εξεναγηται, ω φιλε Φαιδρε.

Certo per Era, il luogo di sosta è bello! Infatti c'è questo platano molto folto e alto, l'altezza di un agnocasto e l'ombra bellissima, e poiché è al culmine della sua fioritura, potrebbe rendere il luogo quanto più profumato possibile; inoltre una sorgente assai graziosa d'acqua molto fredda scorre sotto il platano, tanto da poterla giudicare con il piede.

Sembra essere il tempio di alcune ninfe e di Acheloo per le fanciulle e gli ornamenti. Inoltre se vi piace, com'è gradita e assai piacevole una buona aerazione del luogo! Un non so che di estivo e di vivace si accorda con il canto delle cicale.

Tra tutte, la cosa più conveniente è quella del prato, poiché col dolce pendio è adatto per natura ad essere disposto nel modo migliore per colui che poggia la testa. Quindi è magnifica la guida che tu hai dato, mio caro Fedro.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 07:24:55