Agesilao 11.15 (Senofonte)

τοιγαροῦν ποίας οὐ νεότητος κρεῖττον τὸ ἐκείνου γῆρας ἐφάνη; τίς μὲν γὰρ τοῖς ἐχθροῖς ἀκμάζων οὕτω φοβερὸς ἦν ὡς Ἀγησίλαος τὸ μήκιστον τοῦ αἰῶνος ἔχων; τίνος δ’ ἐκποδὼν γενομένου μᾶλλον ἥσθησαν οἱ πολέμιοι ἢ Ἀγησιλάου καίπερ γηραιοῦ τελευτήσαντος; τίς δὲ συμμάχοις θάρσος παρέσχεν ὅσον Ἀγησίλαος, καίπερ ἤδη πρὸς τῷ στόματι τοῦ βίου ὤν; τίνα δὲ νέον οἱ φίλοι πλέον ἐπόθησαν ἢ Ἀγησίλαον γηραιὸν ἀποθανόντα;

Proprio per questo (τοιγαροῦν=proprio perciò) non di qualsiasi giovinezza la sua vecchiaia sembrò migliore (φαίνω aoristo 3a sing)? Chi infatti, che era in pieno vigore, era così temibile per nemici quanto Agesilao che aveva il massimo (τὸ μέγιστον) dell'età?

I nemici di chi...(CONTINUA)

Traduzione letterale di Anna Maria Di Leo che concede il diritto di pubblicazione solo sul sito skuolasprint.it

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:53:41 - flow version _RPTC_G1.1