Cacciatori famosi Senofonte versione greco dal cinegetico

Cacciatori famosi
VERSIONE DI GRECO di Senofonte
TRADUZIONE dal librocinegetico di Senofonte

Ὀδυσσεὺς δὲ καὶ Διομήδης λαμπροὶ μὲν καὶ καθ᾽ ἓν ἕκαστον, τὸ δὲ ὅλον αἴτιοι τοῦ Τροίαν ἁλῶναι. Κάστωρ δὲ καὶ Πολυδεύκης ὅσα ἐπεδείξαντο ἐν τῇ Ἑλλάδι τῶν παρὰ Χείρωνος διὰ τὸ ἀξίωμα τὸ ἐκ τούτων ἀθάνατοί εἰσι. Μαχάων δὲ καὶ Ποδαλείριος παιδευθέντες τὰ αὐτὰ ἐγένοντο καὶ τέχνας καὶ λόγους καὶ πολέμους ἀγαθοί. Ἀντίλοχος δὲ τοῦ πατρὸς ὑπεραποθανὼν τοσαύτης ἔτυχεν εὐκλείας, ὥστε μόνος φιλοπάτωρ παρὰ τοῖς Ἕλλησιν ἀναγορευθῆναι. Αἰνείας δὲ σώσας μὲν τοὺς πατρῴους καὶ μητρῴους θεούς, σώσας δὲ καὶ αὐτὸν τὸν πατέρα, δόξαν εὐσεβείας ἐξηνέγκατο, ὥστε καὶ οἱ πολέμιοι μόνῳ ἐκείνῳ ὧν ἐκράτησαν ἐν Τροίᾳ ἔδοσαν μὴ συληθῆναι. [Ἀχιλλεὺς δ᾽ ἐν ταύτῃ τῇ παιδείᾳ τραφεὶς οὕτω καλὰ καὶ μεγάλα μνημεῖα παρέδωκεν, ὥστε οὔτε λέγων οὔτ᾽ ἀκούων περὶ ἐκείνου οὐδεὶς ἀπαγορεύει.

[οὗτοι δὲ τοιοῦτοι ἐγένοντο ἐκ τῆς ἐπιμελείας τῆς παρὰ Χείρωνος, ἧς οἱ μὲν ἀγαθοὶ ἔτι καὶ νῦν ἐρῶσιν, οἱ δὲ κακοὶ φθονοῦσιν, ὥστ᾽ ἐν μὲν τῇ Ἑλλάδι εἴ τῳ συμφοραὶ ἐγίγνοντο ἢ πόλει ἢ βασιλεῖ, ἐλύοντο αὐτούς

TRADUZIONE

Ulisse e Diomede furono celebri in ogni azione singola ma generalmente furono i primi arteci (letteralmente: che troia fosse conquistata=) della conquista di Troia.

Castore e Polluce riuscirono così famosi in Grecia per le cose le quali avevano imparate da Chirone che sono fatti immortali. Macaone e Podalirio Macaone e Podalirio, educati alla stessa maniera, divennero valenti nelle arti, nell'eloquenza e nelle guerre. Antiloco morendo al posto del padre ottenne una gloria tale, che solo lui fu chiamato tra i Greci "quello che ama il padre". Enea, poi, avendo salvato gli déi paterni e materni, e inoltre anche lo stesso suo padre, si procurò fama di pietà al punto che i nemici concessero a lui solo fra quelli che avevano sconfitto, di non essere spogliato delle armi.

Achille, allevato con la medesima educazione, lasciò ricordi tanto grandi e importanti, che nessuno si stanca di parlare o di sentire parlare di lui. Questi, grazie alla pratica dell'arte ricevuta da Chirone, che ancor oggi i buoni adorano, e i malvagi invidiano, divennero tali persone al punto che, se a qualcuno, a città o re, capitavano delle sventure, grazie a loro se ne liberavano

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:54:23 - flow version _RPTC_G1.1